INAUGURAZIONE NUOVA SEDE CASTEL MASEGRA

securedownload-3

L’entrata della nuova sede del Collegio Regionale Guide alpine Lombardia.
(foto Michela Fomiatti)

SONDRIO – Il Castel Masegra di Sondrio è la nuova sede delle Guide alpine della Lombardia. In una sala gremita all’ultimo piano dell’ala est del maniero, si è svolta ieri sera l’inaugurazione ufficiale, alla presenza delle Istituzioni cittadine e regionali. Nelle intenzioni dell’amministrazione comunale la Casa delle Guide alpine lombarde costituisce la pietra fondante nella costruzione di un grande polo culturale dedicato all’alta quota: una “Casa della montagna” di cui sono stati mostrati in anteprima i progetti.

Sondrio, centro geografico della montagna lombarda e capoluogo della Valtellina, ospita la nuova sede del Collegio regionale delle Guide alpine della Lombardia all’interno del prestigioso Castel Masegra. La Casa delle Guide si trova al piano terra dell’ala Est, sottoposta in precedenza a opere di restauro.

La città di Sondrio – ha detto il Sindaco di Sondrio Alcide Molteni -, attraverso la scelta di acquistare il Castello e individuarlo come centro simbolico di un territorio che deve decidere qual è il suo futuro, è lieto di affidare questo percorso alle Guide alpine. Questo cammino sarà complesso e difficile: siamo felici di condividerlo con loro nelle scelte che faremo insieme per il futuro”.

Le Guide Alpine della Lombardia hanno visto in Castel Masegra l’opportunità per una sede prestigiosa e baricentrica nella montagna lombarda – ha detto Luca Biagini, presidente delle Guide alpine della Lombardia -. Per il futuro vedono nel progetto della sua valorizzazione a polo culturale e di attività a tema montagna un’occasione importante di presenza ‘a valle’.
L’apertura delle porte del Castello, che ci è affidata, rappresenta quello che quotidianamente facciamo con il nostro lavoro: aprire le porte della montagna a chi desidera conoscerla”.

L’inaugurazione della nuova sede del Collegio delle Guide alpine Lombardia è stata anche l’occasione per mostrare in anteprima i progetti pensati dall’Architetto Leo Guerra per il futuro museo della montagna, che sarà ospitato nelle altre aree del Castel Masegra.

securedownload-21

Pubblico e Guide Alpine alla presentazione della nuova sede.
(foto Michela Fomiatti)

Siamo felici di accogliere a Sondrio la nuova sede del Collegio Regionale delle Guide – ha dichiarato Marina Cotelli, Assessore alla cultura e all’istruzione di Sondrio -, perché riteniamo che questo sia il primo passo, la pietra fondante della Casa della montagna, che noi intendiamo come luogo di cultura in senso ampio. Quindi come ricostruzione della storia dell’alpinismo, da quello classico che si è giocato su alcune delle nostre vette più ambite, fino ad esperienze più vicine a noi come il Sassismo e l’arrampicata in Val di Mello. Ma non solo questo: vorremmo che fosse anche un luogo per insegnare che cos’è e cosa vuol dire vivere la montagna oggi. Vorremo creare una “Casa della montagna” viva e vissuta, centro culturale, centro di sintesi fra varie anime raccolte sotto l’etica di un territorio che si caratterizza per la presenza di Alpi e Prealpi, ovvero della montagna”.

(Ufficio stampa Guide alpine Lombardia)

PROGETTO FALESIE LECCHESI

Ster-accordo-falesie

LECCO — “Le Guide alpine saranno garanti della qualità del lavoro in questo importante progetto di valorizzazione del sistema delle falesie lecchesi, le cui linee guida sono state stese con l’apporto di Regione Lombardia. Non si tratterà di un lavoro seriale, ma andrà a rispettare il carattere e lo stile di arrampicata specifico di tutte le falesie, che sono bene comune non infinito e da salvaguardare”. Queste le parole di Luca Biagini, presidente del Collegio regionale delle Guide alpine Lombardia, che, insieme a Regione Lombardia, alle Comunità montane, al Comune, alla Provincia e alla camera di Commercio di Lecco, ha firmato oggi l’Accordo di Programma Quadro che prevede il restauro di numerose siti di arrampicata sportiva sulla pareti di roccia della provincia di Lecco.

Il progetto è stato presentato alla stampa nella mattinata di oggi, 15 gennaio, a Lecco. Presso la Ster infatti, è avvenuta la firma dell’Accordo di Programma Quadro per la valorizzazione del sistema delle falesie lecchesi.

Luca-Biagini

Mi piace sottolineare che per la prima volta e anche su proposta delle Guide in un intervento pubblico di valorizzazione delle falesie, verranno coinvolte le persone del posto: – ha detto ancora Biagini – i primi chiodatori per esempio, ma anche i frequentatori abituali di queste falesie, che sono stati consultati in una fase preparatoria del lavoro e che collaboreranno con noi anche durante lo svolgimento e fino alla conclusione. È la prima volta che l’Amministrazione guarda alla montagna in questo modo. Spero che la stessa iniziativa possa essere replicata anche in altre province della Regione”.

Il nostro obiettivo – ha dichiarato Antonio Rossi, Assessore allo Sport e alle Politiche per i Giovani di  Regione Lombardia – è di avviare un percorso volto alla definizione di un progetto, che, partendo dalla valorizzazione delle falesie, ne faccia il volano per sviluppare una complessiva valorizzazione turistico, sportiva, commerciale del territorio. Il territorio lecchese vanta almeno 50 falesie, con oltre 1800 itinerari di arrampicata, autentiche palestre a cielo aperto che rappresentano una straordinaria occasione di promozione del territorio. Anche Lecco sarà parte della grande Esposizione universale dell’Expo nel 2015 e proprio l’arrampicata sportiva attraverso le falesie e le sue vie potranno aiutare il territorio a intercettare una fetta crescente di turismo sportivo“.

Alla conferenza stampa di questa mattina sono intervenuti oltre ad Antonio Rossi, e a Luca Biagini, anche il Sindaco si Lecco Virginio Brivio, Giuseppe Scaccabarozzi, vicepresidente Provincia di Lecco, Vico Valassi, presidente Camera di Commercio di Lecco. C’erano poi Carlo Greppi, presidente Comunità Montana Lario Orientale e Carlo Signorelli, presidente Comunità Montana Valsassina; infine gli alpinisti locali Pietro Corti e Pietro Buzzoni.

Oltre al Collegio delle Guide Alpine Lombardia e a Regione Lombardia, all’Accordo di programma hanno partecipato infatti la Comunità Montana Valsassina, Valvarrone, Val d’Esino e Riviera, la Comunità montana Lario Orientale Valle San Martino, il Comune di Lecco, la Provincia di Lecco e la camera di Commercio di Lecco.

(Ufficio stampa Guide alpine Lombardia)

INAUGURAZIONE NUOVA SEDE – INVITO

Il Collegio Guide Alpine Lombardia è lieto di invitare il pubblico all’inaugurazione della nuova sede presso il Castello Masegra di Sondrio – via de’ Capitani di Masegra, che si terrà il giorno lunedi 26 gennaio 2015 dalle ore 18.30.

Alla conferenza stampa inaugurale interverranno i rappresentanti delle Istituzioni cittadine, Provinciali e Regionali e le Guide alpine della Lombardia.

L’evento sarà occasione per tutti i partecipanti di visitare la nuova sede delle Guide alpine, situata nell’ala est restaurata di Castel Masegra.

L’invito è aperto a tutti. Seguirà buffet.

(Ufficio stampa Guide alpine Lombardia)

La nuova sede del Collegio Regionale Guide Alpine Lombardia: il Castello Masegra

ALBERTO LENATTI (1945-2015)

Il Collegio Guide Alpine Lombardia partecipa al dolore per la scomparsa di Alberto “Chiodi” Lenatti ed esprime sentite condoglianze alla famiglia, amici e colleghi che gli erano più vicini.

securedownload-2

 

I funerali si svolgeranno lunedì 12 gennaio alle ore 14.30 a Chiesa in Valmalenco.

Alberto “Chiodi” Lenatti (classe 1945) appartenente alla ramificata dinastia delle Guide “Lenatti”, di Valmalenco; guida emerita, fu per tanti anni istruttore ai corsi guide oltre che maestro di sci. Fisico eccezionale, il Chiodi era ottimo scalatore su terreno misto e fu gestore del rifugio Marco e Rosa dal 1974 al 1978.