CORSO A.M.M. – 9° MODULO

DSC_0166

24 agosto 2017, ore 9.00: appuntamento al Carrefour di Poggiridenti (SO). Una location davvero bizzarra per l’inizio di questo 9° modulo del corso per Accompagnatori di Media Montagna 2016/17!
Ma nei cinque giorni che ci aspettano avremo bisogno di molta energia per cui iniziamo subito con il fare la spesa!

Dopo aver acquistato una bella quantità di provviste ci dirigiamo ad Agneda (SO) da dove prende il via il lungo trekking itinerante che ci porterà nel cuore delle Orobie bergamasche. Zaini sulle spalle e si parte subito in direzione del rifugio Mambretti, insieme agli Istruttori G.A. Vanni Spinelli, Fabio Salini e Matteo Piccardi, con i quali cammineremo nel corso dei giorni che ci aspettano e con cui approfondiremo tematiche fondamentali quali la sicurezza, la conduzione del gruppo, l’orientamento e la topografia.

25 agosto, ore 5.15…La sveglia suona presto, ma non c’è tempo da perdere. Dopo aver preparato la colazione e riordinato il rifugio (autogestito) si parte alla volta del rifugio Longo, “macinando” chilometri e dislivello, valicando forcelle e attraversando ripidi ghiaioni.
Il giorno successivo ci vede diretti al rifugio Baroni al Brunone dove arriveremo solo nel tardo pomeriggio dopo aver conquistato la bella vetta del Diavolo di Tenda. Il nostro trekking prosegue poi nuovamente in direzione del rifugio Mambretti passando però prima dalle creste del Pizzo Brunone.
28 agosto, ultimo giorno di trekking: ultima fatica per salire verso il lago di Reguzzo e il rifugio Donati prima di incamminarci verso le auto!

Parlare solo di cammino, itinerario e formazione per questi cinque giorni però sarebbe davvero riduttivo. Quello che è successo veramente nel corso di questo modulo è che ci siamo messi alla prova, ci siamo “ingaggiati”, come ama dire il nostro Direttore Tecnico Vanni Spinelli. Il modulo è stato soprattutto valutativo ed ognuno di noi si è trovato in prima persona a condurre il gruppo per una parte del percorso e ad essere valutato sulla conduzione, le scelte di percorso, la valutazione del rischio e la sicurezza.

DSC_0545

Ed in ultima analisi, l’ingaggio più importante non è stato a livello del singolo ma bensì come “squadra”. Ancora una volta i 18 allievi in realtà sono un solo e coeso gruppo che per cinque giorni ha condiviso cibo, spazi, cammino, decisioni da prendere, fatica ed emozioni. E, nonostante tutto, l’ultimo giorno, avevamo ancora tanta voglia di camminare insieme e di portare a termine insieme questo lungo ed intenso anno di formazione e condivisione.
Ma in fondo è proprio questo il vero spirito della montagna.

Arrivederci a settembre, con l’ultimo modulo del nostro appassionante percorso formativo.

(Daniele Frigerio)